Impiego Ozono su matrici alimentari: pasta fresca

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Chimica degli Alimenti --> Impiego Ozono su matrici alimentari: pasta fresca --> M4241

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Impiego Ozono su matrici alimentari: pasta fresca. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Impiego Ozono su matrici alimentari: pasta fresca
Dal punto di vista normativo, l'ozono è attualmente menzionato quasi unicamente nel settore delle acque minerali:
- decr.to leg.vo 176/11 Attuazione della direttiva 2009/54/CE sull'utilizzazione e la commercializzazione delle acque minerali naturali
- decr. MinSalute 11.9.03 e decr. MinSalute 29.12.03 Attuazione della direttiva 2003/40/CE ...
- decr. MinSanità 542/92 regolamento recante i criteri di valutazione delle caratteristiche delle acque minerali naturali
- dir. CE 2003/40 Determina l'elenco, i limiti di concentrazione e le indicazioni di etichettatura per i componenti delle acque minerali naturali, nonchè le condizioni d'utilizzazione dell'aria arricchita di ozono per il trattamento delle acque minerali naturali e delle acque sorgive.
 
Uniche eccezioni:
- Provv. C.P.S.R 13.1.05 Accordo...sul documento concernente criteri per la predisposizione dei Piani di autocontrollo, per l'identificazione e la gestione dei pericoli nel settore carni:
Allegato B Linee guida per l'identificazione e per la gestione dei pericoli nel settore della produzione di carni
1.1.3 Clostridium botulinum
Resistenza disinfettanti: i disinfettanti di comune utilizzo, quali perossido di idrogeno (35 % a caldo), cloro, iodofori, composti dell'ammonio quaternario risultano efficaci nella inattivazione delle spore. Le spore sono inattivate anche da ozono e diossido di cloro.
 
- reg. CE 1334/08 relativo agli aromi...
k) per "appropriato procedimento fisico" s’intende un procedimento fisico che non modifica intenzionalmente la natura chimica dei componenti degli aromi, fatto salvo l’elenco dei procedimenti tradizionali di preparazione degli alimenti di cui all’All. II, e che non comporta tra l’altro l’uso di ossigeno singoletto, ozono, catalizzatori inorganici, catalizzatori metallici, reagenti metallorganici e/o radiazioni UV.
 
Per quanto riguarda il confezionamento in atmosfera protettiva, poiché i "gas d'imballaggio" sono considerati additivi (reg. 1333/08, all. I, 20) bisognerà attendere l'eventuale inserimento dell'ozono nell'elenco degli additivi ammessi.  
 
saluti
 
alf


torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

ozono, acqua minerale, carne, aroma, additivi, concentrazione, e926, confezionamento, regolamento ce n 1333 2008, acqua, acqua ossigenata, e948, imballaggi, aria, clostridium botulinum, atmosfera protettiva, limite, piano autocontrollo, e925, radiazione, trattamento acque, resistenza, alimenti, gas

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.