Intolleranza al lattosio

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Alimentazione e Nutrizione --> Intolleranza al lattosio

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Intolleranza al lattosio, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Intolleranza al lattosio.. Ne parlavo qualche giorno fa con amici.. Vi andrebbe di discuterne insieme? Ciaoz


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Intolleranza al lattosio
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao fatty!  :-)

Non prendertela, ma non capisco bene il senso della tua dichiarazione.. Hai problemi con il lattosio? Offri consulenza per chi fosse intollerante al lattosio? O sei semplicemente interessato all'argomento e cerchi informazioni?

A presto!

Giulio


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao fatty!  :-)

Non prendertela, ma non capisco bene il senso della tua dichiarazione.. Hai problemi con il lattosio? Offri consulenza per chi fosse intollerante al lattosio? O sei semplicemente interessato all argomento e cerchi informazioni?

A presto!

Giulio

Nessuna delle tre......  :-(

Scherzi a parte, sono interessato all'argomento e mi piacerebbe discuterne con voi.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Che dire.. su un argomento del genere si potrebbero scrivere dei libri. Potremmo iniziare dicendo che l'intolleranza al lattosio non è un allergia (non determina infatti una reazione immunitaria da parte dell'organismo), come molti erronemanete credono. Si tratta di una carenza, indotta da un determinato stile di vita (che poi vedremo), dell'enzima deputato alla scissione del lattosio nei suoi 2 monosaccaridi costitutivi: glucosio e galattosio.

L'enzima in questione è la lattasi e la sua carenza determina il non assorbimento (parziale o anche totale) del lattosio, che pertanto giunge integro nell'intestino crasso dove viene metabolizzato dalla flora microbica autoctona con la relativa produzione di metaboliti secondari e gas. Quest'ultima è la principale causa scatenante della sintomatologia che tutti gli intolleranti ben conoscono (diarrea, dolori addominali, spossatezza, etc).

Il mio professore di "Alimentazione e Nutrizione Umana" era solito ricordare a noi studenti che, non trattandosi di allergia, l'intolleranza al lattosio è reversibile; cioè possiamo lentamente riabituare l'organismo all'assunzione del lattosio. Il metodo è molto semplice, ma richiede tempo e costanza: si procede reintroducendo il latte nella nostra dieta in dosi via via crescenti.

Si parte con una quantità modestissima di latte (ad esempio l'equivalente di un cucchiaino da caffè) meglio se all'inizio del weekend.. di modo che, in caso di problemi, il caro e vecchio amico bagno ci sia di sostegno.. ;-)

Si prosegue per diversi giorni con questo dosaggio e si controlla la sintomatologia. Se non si hanno effetti conclamati si rincara leggermente la dose (es. due cucchiaini di latte) per altrettanti giorni; e così via fino ad arrivare alla completa "riabilitazione".

Sebbene possa sembrare un pò empirica, si tratta comunque di una metodologia che poggia su solide basi scientifiche: salvo rari casi di origine genetica oppure infettiva (danneggiamento della mucosa intestinale), la lattasi è un enzima naturalmente presente nelle cellule dell'intestino tenue dei neonati, che, soltanto a seguito della differenziazione della dieta da parte dell'individuo (con l'inizio dell'assunzione di altri alimenti come i vegetali, la carne, i formaggi, etc) viene ridotto in modo tanto maggiore quanto minore è il consumo di latte.

Il suggerimento è comunque sempre quello di non intraprendere iniziative da soli, ma di rivolgersi ad un medico specialista che valuterà come procedere, le tempistiche, i dosaggi,...

Per ora è tutto!!  ;-)

A presto!
Giulio


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

a proposito di questo....

c'è una mia carissima amica che ha scoperto in età adulta di essere intollerante al latte, mozzarella e alcuni tipi di formaggi. Siccome credo sia una forma lieve perchè alcuni latticini può mangiarli come anche bevande contenente latte, le ho consigliato di provare ad usare Zymil. Non è andata a buon fine: dice che l'è rimasto sullo stomaco tutta la giornata.

Io mi chiedo come mai questo se Zymil è a bassissimo contenuto di lattosio? Possibile non ci sia niente all'infuori del pessimo (a mio parere) latte di soia?

Adriana


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao,

L'intolleranza al lattosio non è una vera è propria intolleranza immunologica, ma è semplicemente una carenza di produzione di un enzima la lattasi, molto comune nella popolazione adulta.

Il lattosio non venendo scisso in glucosio e galattosio nel lume intestinale, entra in fermentazione provocando disbiosi intestinale, mal di pancia e diarrea.

Tieni presente che l'80% degli adulti neri, degli asiatici, degli Aborigeni australi e degli Indios d'America sono intolleranti al lattosio. Solo nella popolazione Europea "razza caucasica", il lattosio è digerito dall' 85% della popolazione adulta e solo il 15% risulta intollerante.

ATTENZIONE: I soggetti che non tollerano il lattosio e si impuntano a consumare latte e lattosio tutti i giorni incuranti dei dolori che avvertono... possono nel tempo sviluppare malattie immunitarie come dermatidi, asma, vitiligine. Ciò succede quando le mucose intestinali diventano "Gocciolanti" ed il lattosio entra nella vena porta ed oltrepassa il sistema di detossificazione epatica di Fase-1 e Fase-2... Andando ad accumularsi nei distretti di vari organi e richiamando il sistema immunitario per attuare la depurazione... Ma ciò innesca un processo infiammatorio che se avviene a livello della cute, può causare un eczema, una vitiligine,.. se a livello dei bronchi, può causare asma.

Cordiali saluti,

Dottor Liborio Quinto

Tecnologo Alimentare Esperto in Nutrizione


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Gentile giuliosurf,

è vero che chi è intollerante al lattosio non può mangiare la banana? Nella banana c'è il lattosio???

Inoltre, vi sono dei pareri discordanti tra gli specialisti in riferimento a ciò che può e che non può essere consumato. Potrebbe, secondo lei, essere dovuto magari al fatto che ogni specialista, al di là delle informazioni scientifiche, si sia trovato ad avere a che fare con pazienti che hanno reagito uno in modo diverso dall'altro e, pertanto, questi specialisti hanno un bagaglio d'esperienza, per ovvi motivi, diverso uno dall'altro tale da farli giungere a conclusioni differenti?

Cordiali saluti.


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

lattosio, latte, intolleranza lattosio, enzima, lattasi, formaggio, livello, allergie, banana, glucosio, sintomatologia, dieta, galattosio, fermentazione, nutrizione, monosaccaridi, gas, quantita, alimenti, latte soia, base, mozzarella, razze, caffe, carne, intolleranza, tecnologo alimentare, assorbimento, danneggiamento, bevande, processo, consulenza, alimentazione nutrizione umana, solido

Discussioni correlate