Metal detector, ancora lui!

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Metal detector, ancora lui!

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Metal detector, ancora lui!, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Ripropongo una vecchia teoria con un nuovo esempio.

Immaginate di avere un prodotto la cui sicurezza dipende dalla temperatura superficiale.

Immaginate che la linea sforni un pezzo al secondo. Come misurare la temperatura in continuo?

Piazzo un bel termometro a infrarossi in continuo all’uscita del forno. Magari ci metto anche un espulsore se la temperatura è fuori range.

Credo che tutti siano d’accordo nel dire che il CCP è il trattamento termico e che il termometro è lo strumento con il quale fare il controllo.

Nessuno si sognerebbe di inserire una fase “Passaggio al termometro”.

Ora sostituite “termometro” con “Metal Detector”. Perché il MD non è lo strumento di misura, ma si sente la necessità di introdurre la fase “passaggio al metal detector”?

A maggior ragione, se io identifico chiaramente una fase che porta contaminazione, il metal sarà il controllo di quella fase.

 

Ho convinto qualcuno?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Metal detector, ancora lui!
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Faccio un po' fatica a comprendere...

Spiegami meglio perché un conto è una caratteristica intrinseca del prodotto come la sua temperatura e un conto è la possibilità di rinvenire un corpo estraneo.

Non mi sono mai occupato di prodotti la cui sicurezza dipende dalla temperatura superficiale ma se faccio un parallelo con la cottura di un prodotto potrei anche pensare di gestire questo parametro in altro modo, tipo un CP, mentre il metal è uno strumento di controllo di una eventualità.

Io per esempio non considero nemmeno il metal un CCP, è un PRP Operativo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

La riflessione nasce dal fatto che il "passaggio al metal detector" viene sempre, per mia esperienza, considerata come una "fase" del processo produttivo al pari di "cottura", "confezionamento", etc.

A mio modo di vedere invece il metal detector è lo strumento che mi consente di gestire un pericolo ossia di capire se, relativamente al pericolo, il prodotto si trovi entro i limiti di accettabilità. Così come il termometro misura la temperatura, il metal detctor misura altri parametri. Ma se il termometro viene senza ombra di dubbio visto come strumento applicato ad una fase (conservazione, trattamento termico), il metal non viene visto come "strumento applicato ad una fase", ma come "fase".

Per estremizzare il concetto ho ipotizzato un termometro in continuo, che abbia un funzionamento similare ad un metal: misurazione puntiforme ed eventuale scarto automatico. (Non mi viene in mente un caso reale, potrebbe essere il raggungimento di una temperatura di abbattimento o altro... poco importa)

Spesso il motivo per cui il (passaggio al) metal è visto come "fase" è perchè questo è la misura di controllo di più fasi: il contaminate metallico infatti potrebbe essere un pericolo che si manifesta al Ricevimento merci, in Preparazione, al Confezionamento, etc. Questa spiegazione mi ha sempre convinto poco.

Quanto al fatto che sia CCP o oPRP, bah, è una disquisizione infinita. Alla fine l'importante è motivare il perchè gli sia dato un certo nome, perchè spesso la gestione è la stessa (non solo per il metal).

Ho visto due motivazioni diverse per ritenere che il metal sia solo CP (e non CCP):

1) il metal ha dei limiti dimensionali sul riconoscimento corpi metallici: un tester a 7mm, che lascia passare un frammento di 6mm non mi garantisce la sicurezza dell'alimento verificato. Per tale motivo non può essere definito CCP e quindi declassato a CP. [Mi convince sempre poco il declassamento di CCP a CP per questioni tecniche].

2) Controllo al metal di prodotto di salumeria cotto destinato ad affettamento. Pur vendendo il prodotto intero, lo stesso è destinato ad essere consumato affettato. Durante l'affettamento il corpo estraneo verrebbe individuato. Mi convince poco anche questo.

Soprattutto, in entrambi casi, che io lo chiami CP, CCP o nulla, la gestione sarebbe comunque la stessa!

 

Tu come motivi il fatto che sia CP/oPRP?

 


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

metal detector, temperatura, termometro, prodotto, critical control point, controllo, control point, pericolo, sicurezza, corpo estraneo, parametri, trattamento termico, limite, ccp cp, confezionamento, cottura, conservazione, range, cotto, processo produttivo, contaminazione, forno, alimenti

Discussioni correlate