Un Tecnologo puo' diventare nutrizionista?

TAFF: Talkin┤about Food Forum

Sei qui: Professione Tecnologo --> Un Tecnologo puo' diventare nutrizionista? --> M1767

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Un Tecnologo puo' diventare nutrizionista?. Se desideri partecipare alla discussione Ŕ necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Un Tecnologo puo' diventare nutrizionista?

No! Non userei il termine nutrizionista (nŔ tantomeno tecnologo-nutrizionista) perchŔ pu˛ trarre in inganno. Il tecnologo alimentare, anche dopo il conseguimento della specializzazione in scienze dell'alimentazione, rimane tecnologo alimentare. Il termine nutrizionista si usa invece SOLO per chi ha seguito l'indirizzo in nutrizione clinica (cioe' i laureati in medicina e chirurgia); tutti gli altri indirizzi in ambito non-clinico (percorribili quindi da biologi, farmacisti, tecnologi alimentari, ecc) rimangono nel campo delle specifiche aree di competenza previste dal percorso professionale originario di appartenenza.. Cosa significa? Che se tu sei tecnologo alimentare (5 anni o 3+2 anni) e ti prendi la specializzazione in scienze dell'alimentazione, potrai usare le competenze acquisite con questa specializzazione solamente nell'ambito delle tue competenze di tecnologo (definite dall'art. 2 - comma 1 della legge 59/94):

Art. 2.
(AttivitÓ professionale)

  1. Rientrano nella competenza del tecnologo alimentare:

    a) lo studio, la progettazione, la direzione, la sorveglianza, la conduzione ed il collaudo dei processi di lavorazione degli alimenti e dei prodotti biologici correlati, ivi compresi i processi di depurazione degli effluenti e di recupero dei sottoprodotti;

    b) lo studio, la progettazione, la costruzione, la sorveglianza e il collaudo, in collaborazione con altri professionisti, di impianti di produzione di alimenti;

    c) le operazioni di marketing, distribuzione ed approvvigionamento delle materie prime e dei prodotti finiti alimentari, degli additivi alimentari, degli impianti alimentari;

    d) le analisi dei prodotti alimentari; l'accertamento ed il controllo di qualitÓ e di quantitÓ di materie prime alimentari, di prodotti finiti, di additivi, di coadiuvanti tecnologici, di semilavorati, di imballaggi e di quanto altro attiene alla produzione e alla trasformazione di prodotti alimentari; la definizione degli standard e dei capitolati per i suddetti prodotti. Tali attivitÓ sono svolte presso strutture sia private che pubbliche;

    e) le funzioni peritali ed arbitrali in ordine alle attribuzioni elencate alle lettere a), b), c) e d);

    f) la statistica, le ricerche di mercato e le relative attivitÓ in relazione alla produzione alimentare;

    g) la ricerca e lo sviluppo di processi e prodotti nel campo alimentare;

    h) lo studio, la progettazione, la direzione, la sorveglianza, la stima, la contabilitÓ ed il collaudo, in collaborazione con altri professionisti, dei lavori necessari ai fini della pianificazione alimentare, con riguardo alla valutazione delle risorse esistenti, alla loro utilizzazione e alle esigenze alimentari e nutrizionali dei consumatori;

    i) lo studio, la progettazione, la direzione, la sorveglianza, la stima, la contabilitÓ ed il collaudo di lavori inerenti alla pianificazione della produzione alimentare sotto il profilo territoriale;

    l) lo studio, la progettazione, la direzione, la sorveglianza, la gestione, la contabilitÓ ed il collaudo, in collaborazione con altri professionisti, dei lavori che attengono alla ristorazione collettiva in mense aziendali, mense pubbliche, mense ospedaliere e qualsivoglia tipo di servizio di mensa e ristorazione;

    m) lo studio, la progettazione, la direzione, la sorveglianza e la gestione, in collaborazione con altri professionisti, di programmi internazionali di sviluppo agro-alimentare, anche in collaborazione con agenzie internazionali e comunitarie.

  2. Gli iscritti all'albo dei tecnologi alimentari possono altresý svolgere funzioni di direzione, amministrazione e gestione di imprese che operano nel settore della produzione, trasformazione, conservazione e commercializzazione degli alimenti.

  3. Gli iscritti all'albo dei tecnologi alimentari hanno inoltre facoltÓ di compiere le attivitÓ di cui al comma 1 anche in settori diversi, quando tali attivitÓ siano connesse o dipendenti da studi e lavori di loro specifica competenza.


torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

alimentare, tecnologo alimentare, lavoro, mensa, professionista, processo, nutrizionista, albo dei tecnologi alimentari, prodotto alimentare, scienze tecnologie alimentari, impianto, professionale, materia prima, alimenti, qualita, laurea, lavorazione alimenti, approvvigionamento, semilavorato, ristorazione collettiva, legge 18 gennaio 1994 n 59, additivi, quantita, nutrizionale, tecnologo alimentare nutrizionista, conservazione, prodotto alimentare biologico, controllo, imballaggi, nutrizione, analisi, additivi coadiuvanti tecnologici, consumatore, legge

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilitÓ sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.