Scienze e Tecnologie Alimentari: Prospettive Lavorative

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Professione Tecnologo --> Scienze e Tecnologie Alimentari: Prospettive Lavorative

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Scienze e Tecnologie Alimentari: Prospettive Lavorative, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Salve a tutti,

mi sono laureato lo scorso anno in Scienze e Tecnologie Alimentari a 25 anni e ora sto per conseguire il titolo magistrare in Tecnologie Alimentari.

Sono molto scoraggiato dalle Prospettive Lavorative di questo Corso di Laurea e, vedendo in giro, ho molto di cui preoccuparmi. La carenza di lavoro ha portato molte altre lauree affini nel mondo alimentare, andando a saturare una posizione già da tempo poco ricca di Sbocchi Lavorativi.

Vorrei chiedervi se secondo voi continuare su questa strada sia una perdita di tempo che non mi porterà a trovare lavoro, oppure se convenga concludere e vedere se effettivamente questa cosa corrisponda a verità.

Premetto che mi baso su dati letti da colleghi, che si lamentano della scarsità di Contratti e di Lavoro ovunque in Italia e su indiscrezioni lette su articoli statistici del lavoro.

Al momento sono molto indeciso e confuso, considerando che chiuderò questa Laurea Magistrale a 27 anni, quindi non giovanissimo, volevo chiedervi un parere, non tanto sulla mia carriera universitaria, bensì su che prospettive future mi potrebbero attendere.

Grazie!


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Scienze e Tecnologie Alimentari: Prospettive Lavorative
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao drakstar92 e benvenuto! ^__^

Partiamo da un presupposto: "vedendo in giro" credo che abbiamo tutti quanti (chi più, chi meno) di che preoccuparci.. Ma forse è proprio questo il punto: passiamo la nostra esistenza a preoccuparci, senza aver compreso che il termine pre-occupazione - per sua stessa definizione - stabilisce una fase temporalmente antecedente all'occupazione (dal latino occupatio, occupationis, che sta ad indicare: ogni attività o lavoro in cui s’impieghi il proprio Tempo).

E così ci ritroviamo a sprecare preziose risorse (in primis, la più preziosa, come abbiamo appena visto: il Tempo) inseguendo problemi che devono ancora concretizzarsi (come moderni Don Chisciotte della Mancia nella vana lotta contro i Mulini a Vento), senza di fatto occuparci (quantomeno, non con la dovuta attenzione) dei problemi presenti.. questi sì, concreti!

Ecco, drakstar92, credo che dobbiamo (uso volutamente la prima persona plurale, proprio perché non mi ritengo esente da questo tipo di errore) cercare di mutare la nostra visione, tornare ad occuparci, approdando ad un cauto (o meglio, misurato) Ottimismo. Specifico, misurato, in quanto non dobbiamo nemmeno scivolare nello stolto ottimismo della cicala della favola di Esopo, che vive in modo degenere il tema del carpe diem, giungendo miseramente alla disfatta, con l'arrivo dei primi rigori invernali.

Premesso ciò e tornando a tematiche più materiali, ti segnalo che l'argomento di tuo interesse è già stato ampiamente dibattuto in questo piccolo Forum di amici appassionati di Scienze e Tecnologie Alimentari e, per quanto mi riguarda, non ho molto da aggiungere rispetto a ciò che ho già avuto modo di esprimere in passato. Nel caso fossi interessato ad approfondire il mio punto di vista (che non vuole per forza essere considerato giusto, nè condiviso/condivisibile), oltre a quanto ti ho scritto sopra, ti segnalo ad esempio questi interventi:

Oltre ovviamente a ricordare (a te e a tutti i nuovi amici) che nella Mappa del Sito trovate l'elenco completo di tutte le Discussioni (ma non solo) affrontate qui su TAFF.

Bene. Da parte mia è tutto. Non so se leggerai queste mie considerazioni, né se sarò stato in grado di trasmettere il mio Pensiero. Spero, comunque, che quanto ho scritto possa - prima o poi - tornare utile a qualcuno che si trovi in quello stato di confusione che - almeno una volta nella vita - ci troviamo tutti quanti ad attraversare.

Un caro saluto,

Giulio


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Prova ad iscriverti ai portali di ricerca del lavoro e vedi quante offerte ci sono!

Purtroppo la maggior parte sono nel centro nord (credo sia una conseguenza della realtà lavorativa generale) quindi se sei del SUD è necessario valutare di spostarsi (ho visto recenti offerte anche in Campania comunque).

Solo nell'ultima settimana ho visto interessanti posti a Milano, Pisa, Cuneo, Parma, Vercelli..


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

lavoro, scienze tecnologie alimentari, laurea, alimentare, tecnologie alimentari, carpa, ristorazione collettiva, il te

Discussioni correlate