Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie?

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Microbiologia Alimentare --> Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie? --> M6846

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie?. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie?

Le piastre, dopo solidificazione, vanno poste in frigo solo se il terreno è ben asciutto; ma questa tecnica presuppone lo spatolamento non l'inoculo per inclusione, in quanto l'inoculo per inclusione prevede il riponimento in termostato a meno che io non voglia valutare gli psicrofili a +4°C.

Tutto il materiale utilizzato dovrebbe essere termostatato a temperatura ambiente per evitare shock termici anche la soluzione di ringer o l'acqua peptonata non dovrebbe essere fredda da frigo prima della diluizione della matrice alimentare.

Dopo avere omogeneizzato la matrice il tempo massimo per l'inoculo è (nel mio laboratorio operavo al massimo a 15 minuti dalla omogeneizzazione) non superiore a 30 minuti; un'attesa maggiore potrebbe portare ad una prima generazione microbica in sacchetto ( cattività.. :-) ) )

L'omogenato è sempre meglio lasciarlo riposare qualche minuto. Ricorda sempre di dare dei tempi a come operi per rendere il tutto riproducibile.

La pistola termica non sempre è affidabile a meno che tu non l'abbia fatta tarare in un centro SIT.

Come ti dicevo, l'innalzamento termico per massimo 3 minuti di stomaker non genera preoccupazioni; mentre il frullatore si!

La pratica di spatolamento, se ben attuata, non porta alcuna contaminazione: prendere la piastra, sollevare il coperchio spatolare avendo cura di fare tutto questo sotto cappa a flusso laminare di 2° o meglio 3° classe e riporre il coperchio sulla piastra

Lla tua tecnica comunque prevede di girare la piastra in senso orario o antiorario e come lo fai se non con le dita è vero che esistono dei supporti tipo lavorazione della creta ma sono pochissimi i laboratori che li utilizzano.

Ciao, tannico, non preoccuparti.. Se ti sono d'aiuto, ben venga.

Michele



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

piastre, laboratorio, alimentare, temperatura ambiente, laminazione, contaminazione, acqua

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.