Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80 --> M2325

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80

Scusami se ti rispondo ancora . Ma mi era sfuggita l ultima parte del tuo quesito riguardante riguardante  l aspetto sanzionatorio .

In linea di massima possono concretizzarsi tre situazioni : 1) Fattspeci penale , avente carattere di reato contravvenzionale  per  la violazione  di qualche aspetto disciplinato dall articolo 5 della legge n°283 del 30.04.1962 (Modificato dal DL.gsvo 507/99) ma tutt ora vigente unitamente alle sue sanzioni penali  aventi natura di reati contravvenzionali . (tipico esempio la sua lettera b che sanziona le modalita di conservazione . Anche se il prodotto e ancora perfettamente genuino e sano )  Temperature irregolari , acqua minerale conservata  non al riparo dalla luce solare , utensili e pianali sporchi che vengono diretto a contatto con le sostanze alimentari .  Locali invasi da agenti infestanti in maniera massiva . Oppure la letter D dello stesso articolo  (alimenti in palese stato di alterazione) quando sono ictuoculi invasi da muffe disidratati irraciditi .

A livello amministrativo invece le violazioni riconducibili ai Regolamenti 852 e 853/04  sono sanzionati dal DL.gsvo 193/07. Nei casi meno gravi ai sensi del suo successivo comma 7 possono essere impartite prescrizioni a tempo . Le quali se non ottemperate vengono poi successivamente sanzionate .

 

Ciao Robert

 

 

Per Completezza  le altre ipotesi contravvenzionali di cui all'articolo 5 della Legge n°283 del 30/041962  (Cosidetti reati contravvenzionali ) , a parte la lettera E ed F abrogate da tempo (Questa ultima perchè i coloranti a livello comunitario sono stati inclusi nella nozione di additivi alimentari) , e cioè lettera G (additivi non consentiti o in sovradosaggio)  Lettera D (nella parte che parla di sostanze alimentari nocive)  Lettera A (private anche in parte dei propri elementi nutritivi , mescolate a sostanze  qualità inferiore , variate nella loro composizione naturale, da intendersi come legale per i prodotti non esistenti in quanto tali in natura  ad esempio : Pane , vino . formaggi)  Gli illeciti soliatamente vengono evidenziati mediante analisi di laboratorio

Per concludere , anche il recente DL.gsvo 193/07 , in sede di articolo 6 comma 1 contiene una fattispecie di natura penale . E cioè La macellazione e il sezionamento delle carni in locali non riconosciuti ai sensi del Reg (CE) 853/04 .

Robert.

 

 

 



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

alimentare, additivi, decreto legislativo 6 novembre 2007 n 193, colorante, qualita, analisi, legge, vino, carne, livello, composizione, laboratorio, abrogazione, sovradosaggio, formaggio, regolamento ce n 853 2004, pane

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.