Acqua ossigenata e cloro come additivi/coadiuvanti

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Acqua ossigenata e cloro come additivi/coadiuvanti --> M2177

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Acqua ossigenata e cloro come additivi/coadiuvanti. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Acqua ossigenata e cloro come additivi/coadiuvanti

Buonasera skuertis e benvenuto! ^__^

Anch'io sono dell'idea che la Circolare Ministeriale a cui fai riferimento sia la n°13093 del 29/04/2010, inerente al divieto di utilizzo di perossido d'idrogeno a contatto con il pesce destinato al consumo alimentare umano.

Il testo di tale circolare è piuttosto immediato: il perossido d'idrogeno, non essendo contemplato tra gli additivi alimentari autorizzati (ossia stabiliti dal D.M. N°209 del 27/02/1996 e successive modifiche), non può essere utilizzato. Concordo in pieno con alfclerici sul fatto che poco centri la matrice alimentare su cui si vada ad operare: sia essa trippa, pesce, etc. un additivo può essere impiegato, in quanto tale, esclusivamente se ne é previsto l'utilizzo e solamente nelle modalità consentite.

Sarebbe molto interessante riuscire a prendere visione della Sentenza a cui fa riferimento un articolo del Corriere della Sera del 22/10/1993, intitolato Sbiancava la trippa: Condannato. Nell'articolo si accennava alla pena inflitta al titolare di un'attività commerciale, condannato a 20giorni di carcere ed una multa di 400 mila lire per aver operato lo sbiancamento della trippa mediante acqua ossigenata.

Non conoscendo le reali dinamiche dell'accaduto, nè tantomeno gli atti processuali, non siamo in grado di esprimere un giudizio obiettivo. Tuttavia, possiamo fare alcune considerazioni: un conto è parlare di additivi alimentari (per i quali "non si scappa"... o sono contemplati dalla Legge, o non lo sono), differente è invece il caso dei coadiuvanti tecnologici.

A coloro che necessitassero di chiarimenti in merito alle differenze tra questi due vocaboli, suggerisco di andarsi a rileggere la vecchia discussione intitolata Ingredienti, additivi, coadiuvanti tecnologici.

In sostanza, credo che una volta appurato che non si tratti di additivo (e questo è palese), si debba procedere esaminando se il perossido d'idrogeno possa rientrare nella definizione di coadiuvante tecnologico.

Dovremmo, cioè, capire se l'utilizzo di tale sostanza in fase di lavorazione o trasformazione, essendo finalizzato al conseguimento di un determinato obiettivo tecnologico, costituisca o meno un pericolo concreto per la salute e se abbia effetti tecnologici sul prodotto finito.

La domanda potrebbe essere così riformulata: l'utilizzo di H2O2 in fase di lavorazione o trasformazione dà luogo alla presenza di residui non intenzionali, ma tecnicamente inevitabili, che non costituiscano rischi per la salute e che non abbiano effetti tecnologici sul prodotto finito?

La risposta non è assolutamente semplice. Per quanto concerne la parte afferente alla salubrità, occorrerebbe valutare attentamente il prodotto su cui si vuole operare; poichè ogni alimento, avendo una propria composizione chimico-fisica ed essendo processato differentemente, genera differenti sottoprodotti. Si dovrebbe quindi disporre di una solida documentazione scientifica (principalmente letteratura, ma anche analisi interne sul prodotto finito), che dimostri in modo inequivocabile la totale innocuità del prodotto finito.

Toccando la sfera igienico-sanitaria, tutto ciò andrebbe poi trattato con cura nel piano HACCP, che andrebbe a costituirebbe un'ulteriore dimostrazione della buona fede dell'OSA, nella malaugurata ipotesi di eventuali contestazioni da parte dell'Autorità Sanitaria.

E' per quanto riguarda gli effetti tecnologici sul prodotto finito che possono sorgere dei dubbi ed è proprio qui che forse possiamo trovare la chiave di lettura della questione. L'aggiunta di H2O2 ha dei significativi effetti tecnologici sul prodotto!! In primis lo sbiancamento. Nella summenzionata circolare n.ro 13093, la Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione pone bene in evidenza il fatto come il H2O2 venisse addizionato ai prodotti ittici per ottenerne chiari benefici tecnologici (sbiancamento, migliore conservabilità, "brillantezza"... sembra quasi la pubblicità di un detersivo). Ne consegue che, non rientrando tra gli additivi consentiti nè, come abbiamo appena dimostrato, nella definizione di coadiuvante tecnologico, l'acqua ossigenata non possa essere utilizzata nella produzione di alimenti.

Sul perchè il H2O2 non sia stato integrato nell'elenco degli additivi alimentari consentiti, mentre una sostanza come il Cloro (E925), simile per reattività e potere ossidante, sì; occorrerebbe consultare direttamente gli esperti che se ne sono occupati...

Concludo confermando quanto dichiarato da skuertis sulla presenza del Cloro tra gli additivi consentiti per il trattamento delle farine, in accordo con quanto stabilito dal documento Codex General Standard for Food Additives (CODEX STAN 192-1995), redatto dal Codex Alimentarius e che potremmo così riassumere:

Cloro (E925):

Funzione: agente per il trattamento delle farine
Categoria: 06.2.1 (farine)
Livello Massimo: 2500 mg/kg
Anno di adozione: 2001
Note: 87 (Livello di Trattamento)

Per ora è tutto!! Fatemi sapere cosa ne pensate!

Giulio



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

additivi, prodotto, e925, alimentare, perossidi, sbiancamento, coadiuvante tecnologico, codex alimentarius, e949, trattamento, trippa, farina, alimenti, acqua ossigenata, livello, sicurezza prodotti alimentari, additivi coadiuvanti tecnologici, chimico fisico, operatore settore alimentare, igienico sanitario, nutrizione, solido, autorita sanitaria, ingrediente, composizione, piano haccp, prodotti ittici, legge, residui, analisi

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.