Additivi nella pasta fresca

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Additivi nella pasta fresca

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Additivi nella pasta fresca, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

salve a tutti gli amici del forum

avrei bisogno di un consiglio. Quale additivi in generale e conservanti in particolare mi consigliate nella produzione di pasta fresca? e in che quantità? ad es per produrre un kg di ravioli sapevo che ci voleva un grammo di acido sorbico ma non ne sono sicuro... help

grazie


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Additivi nella pasta fresca
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao Donato!  ^__^

Per quanto riguarda gli additivi e la loro dose massima consentita nella produzione di pasta fresca, io farei riferimentio all'Allegato X (PRODOTTI ALIMENTARI IN CUI PUÒ ESSERE UTILIZZATO UN NUMERO LIMITATO DI ADDITIVI) del D.M. n°209 del 27/02/1996; che alla voce pasta fresca elenca:

  1. Acido lattico (E 270)
  2. Acido ascorbico (E 300)
  3. Ascorbato di sodio (E 301)
  4. Lecitine (E 322)
  5. Acido citrico (E 330)
  6. Acido tartarico (E 334)
  7. Mono- e digliceridi degli acidi grassi (E 471)
  8. Gluconedeltalattone (E 575)

In riferimento alla dose massima consentita, il decreto stabilisce "quanto basta", ossia: "non viene indicata una dose massima. Tuttavia, gli additivi alimentari devono essere utilizzati secondo le norme di buona fabbricazione ad una dose non superiore a quella necessaria per raggiungere lo scopo prefissato e a condizione che non traggano in inganno il consumatore".

Per ora è tutto, scappo a pranzo.

Ci sentiamo presto!
Giulio


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

additivi, pasta fresca, e330, sicuro, consumatore, norme buona fabbricazione, e300, quantita, alimentare, e334, e200, e301, ravioli, conservanti, e471, e270, prodotto alimentare

Discussioni correlate