Combattere la pubblicità ingannevole: missione impossibile ?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Combattere la pubblicità ingannevole: missione impossibile ? --> M4877

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Combattere la pubblicità ingannevole: missione impossibile ?. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Combattere la pubblicità ingannevole: missione impossibile ?

Il 18 ottobre scorso si è tenuto a Roma un incontro organizzato dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) e dall'Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap), sui messaggi promozionali utilizzati per i prodotti alimentari.

Tra gli altri, ha partecipato Roberto La Pira, direttore de Il Fatto Alimentare, che ha cortesemente recepito una mia nota sull'argomento: 

Caro direttore, in occasione di questo convegno (al quale certo presenzierà autorevolmente) ti segnalo un paio di considerazioni, a mio avviso meritevoli di approfondimento. L'Ue (oltre che il semplice buon senso) ci insegna che le sanzioni, per essere utili, devono essere, tra l'altro, PROPORZIONATE e DISSUASIVE. La realtà, come ben sai, è un pochino diversa. Come può definirsi proporzionata una sanzione di poche migliaia di euro comminata a fronte di campagne pubblicitarie che hanno fruttato al furbetto cifre ben più alte. E come può essere efficace un provvedimento che, per quanto severo, viene conosciuto solo da pochi addetti ai lavori, mentre sarebbe ben più dissuasivo, appunto, imporre al colpevole di diffonderne i contenuti con gli stessi mezzi (TV, stampa) che per mesi hanno bombardato i consumatori.

Ho da poco chiesto a Roberto come sia andata e se ci sono speranze di miglioramento: la risposta, come del resto mi aspettavo, non consente facili ottimismi.

Conclusione: come ho più volte ribadito, spetta in modo particolare ai TA, in nome della loro deontologia professionale, vigilare e denunciare ogni forma di pubblicità ingannevole, vera e propria minaccia per la salute dei consumatori.



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

consumatore, sanzioni, prodotto alimentare, codice deontologico, lavoro, alimentare

Discussioni correlate (versione beta)







IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.