Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire --> M5274

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire

Ciao a tutti,

in questi ultimi giorni ho avuto la necessità di approfondire l’argomento etichettatura dei prodotti forniti alle Collettività per esservi preparati o trasformati o frazionati o tagliati o somministrati.

D.Lgs. 109/1992:

Art. 1

2. Si intende per:

e) consumatore il consumatore finale nonche' i ristoranti, gli ospedali, le mense ed altre collettivita' analoghe, denominate in seguito "collettivita'".

Art. 14

5. Per i prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore ma commercializzati in una fase precedente alla vendita al consumatore stesso, le indicazioni di cui all'art. 3 (tutte le indicazioni di legge ndr) possono figurare soltanto su un documento commerciale relativo a detti prodotti

6. Le disposizioni di cui al comma 5 si applicano anche ai prodotti alimentari preconfezionati destinati alle collettivita' per esservi preparati o trasformati o frazionati o somministrati.

7. Nel caso in cui le indicazioni di cui all'art. 3 figurino, ai sensi dei commi 5 e 6, sui documenti commerciali, le indicazioni di cui all'art. 3, comma 1, lettere a), d) ed e) devono figurare anche sull'imballaggio globale in cui i prodotti alimentari sono posti per la commercializzazione.

Art. 3 1. a) la denominazione di vendita; d) il termine minimo di conservazione o ...la data di scadenza; e) il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede o del fabbricante o del confezionatore o di un venditore stabilito nella Comunita' economica europea;

Reg. (UE) 1169/2011:

Articolo 2

2.

d) «collettività»: qualunque struttura (compreso un veicolo o un banco di vendita fisso o mobile), come ristoranti, mense, scuole, ospedali e imprese di ristorazione in cui, nel quadro di un’attività imprenditoriale, sono preparati alimenti destinati al consumo immediato da parte del consumatore finale;

Art. 8

7. Nei seguenti casi gli operatori del settore alimentare, nell’ambito delle imprese che controllano, assicurano che le indicazioni obbligatorie richieste in virtù degli articoli 9 e 10 appaiano sul preimballaggio o su un’etichetta a esso apposta oppure sui documenti commerciali che si riferiscono a tale prodotto se si può garantire che tali documenti accompagnano l’alimento cui si riferiscono o sono stati inviati prima o contemporaneamente alla consegna:

b) quando l’alimento preimballato è destinato a essere fornito a collettività per esservi preparato, trasformato, frazionato o tagliato.

… gli operatori del settore alimentare assicurano che le indicazioni di cui all’articolo 9, paragrafo 1, lettere a), f), g) e h), figurino anche sull’imballaggio esterno nel quale gli alimenti preimballati sono presentati al momento della commercializzazione.

Art. 9

1.

a) la denominazione dell’alimento;

f) il termine minimo di conservazione o la data di scadenza;

g) le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego;

h) il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare di cui all’articolo 8, paragrafo 1;

________________________________________________________________--

Sintetizzo:

Per i prodotti forniti alle collettività devono comparire:

  • le informazioni di legge:

sulle singole confezioni

oppure

sull’imballaggio globale

oppure

sui documenti commerciali (o schede tecniche allegate)

  • sull’imballaggio globale comunque le seguenti informazioni:

- la denominazione dell’alimento;

- il termine minimo di conservazione o la data di scadenza;

- le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego;

- il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare titolare del prodotto

aggiungerei

- Xconfezioni x Yg = Totale g

__________________________________________________--

Come sempre, sono più che gradite eventuali osservazioni e confronti.

Cordialmente,

trentino



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

alimenti, consumatore, operatore settore alimentare, imballaggi, termine minimo conservazione, prodotto alimentare, data scadenza, preconfezionato, conservazione, mensa, legge, prodotto, ristorante, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, etichetta, confezione, preimballaggio, scheda tecnica

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.