Denominazione di vendita: pasta di farro o specialità?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Denominazione di vendita: pasta di farro o specialità? --> M4347

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Denominazione di vendita: pasta di farro o specialità?. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Denominazione di vendita: pasta di farro o specialità?

Alcune mie considerazioni leggendo il testo del DPR 187/2001, che mi piacerebbe confrontare con il parere di alfclerici:

1. Il capo II è denominato "Pasta" così come l'art. 6, questo fa presumere una volontà di voler regolamentare l'utilizzo di questo termine;

2. Art. 6 comma 3: "La pasta destinata al commercio è prodotta soltanto nei tipi e con le caratteristiche seguenti", questo farebbe intendere che la pasta possa essere soltanto prodotta utilizzando semola di grano duro, semolato o semola integrale.

3. Art. 11 Divieti: "....è vietato vendere o detenere per vendere,..., pasta avente caratteristiche diverse da quelle stabilite nel presente regolamento".

Ora alla luce di tutto questo sicuramente il Legislatore voleva regolamentare il settore della pasta che all'epoca veniva prodotta esclusivamente partendo dal fumento come materia prima. Oggi con le evoluzioni del mercato e tecnologiche questa tipologia di prodotto può essere fatto da anche molte altre materie prime (mais, farro etc.) e quindi sarebbe a mio parere necessario un'aggiornamento della Legge, fino a quando ciò non avverrà ci potrebbero essere delle contestazioni nell'utilizzo del termine "Pasta".

Cosa ne pensate?

Alfredo



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

pasta, regolamentare, materia prima, frumento, farro, prodotto, sicuramente, legge, mais

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.