Made in Italy: miscela a base di formaggi italiani ed esteri

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Made in Italy: miscela a base di formaggi italiani ed esteri

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Made in Italy: miscela a base di formaggi italiani ed esteri, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Pagine: 1 2

Oggetto:

Salve  a tutti.

Tanto per complicarmi la vita : se OK per "Mady in Italy",con tutti i crismi di cui sopra,può un tale  "prodotto"   essere denominato   "Prodotto Italiano"(scusate il gioco di parole......),In altre parole, il prodotto Caseario di cui all'origine di questa discussione potrebbe definirsi "Prodotto Italiano"?( e come tale evidenziarlo in etichetta).

Grazie e un saluto a tutti.

Longobardo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Made in Italy: miscela a base di formaggi italiani ed esteri
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Considerando che le menzioni di cui al comma 4 della citata legge 166/09 sono molto più "forti", direi di sì.

Così per curiosità, si può sapere a quanto ammonta la % di formaggio estero?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Si pensava ad un intervallo del 15-20% sul totale della miscela.

Grazie ancora.

Longobardo

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Indipendentemente dalla  percentuale (che tuttavia non mi sembra minima!), nello specifico caso di mix di formaggi grattugiati i claims made in Italy o prodotto italiano, fanno percepire la consumatore l'italianità  di tutto il contenuto.

O si vuol far credere che le operazioni di grattugia e confezionamento eseguite in Italia conferiscono un particolare valore aggiunto in termini di qualità e sicurezza, tali da meritare da sole il vanto dell' italianità?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Concordo con trentino, anche secondo me 15-20% non può essere considerata una "minima" percentuale ma direi che sia una percentuale sostanziale!

Secondo me caro longobardo sei vittima anche tu di uno dei nostri "peggiorni nemici" (in senso buono ovviamente) e cioè il commerciale!!! Per mia esperienza si venderebbe anche sua madre se ci fosse un claim adatto!

Una possibile soluzione potrebbe essere evitare di usare claim che possano indurre in errore il consumatore sull'origine del prodotto ed invece sottolineare l'italianità della produzione utilizzando la seguente dicitura per definire il produttore/responsabile commerciale:

Prodotto e/o confezionato in italia da: Pinco formaggino S.r.l.

Cosa ne pensate?


replyemailprintdownloadaward

Pagine: 1 2



Parole chiave (versione beta)

formaggio, made italy, prodotto, miscela, legge, base, consumatore, materia prima, prodotto italiano, confezionamento, claim, pomodoro, qualita, sicuramente, alimentare, contaminanti, igp, sale, confezione, prodotto caseario, sicurezza, alimenti, etichetta, pasta, ingrediente, processo, scienze tecnologie alimentari, acqua, prodotto dop, approvvigionamento, pastorizzazione, responsabile commerciale

Discussioni correlate