Formazione di crepe in ravioli dopo l'asciugamento

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Ingegneria Alimentare --> Formazione di crepe in ravioli dopo l'asciugamento

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Formazione di crepe in ravioli dopo l'asciugamento, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Pagine: 1 2

Oggetto:

Ciao Alfredo,volevo semplicemente dire che normalmente per paste laminate(almeno credo) l'umidità dell'impasto è intorno al 32-33%,quindi essendo obbligati ad usare almeno 200gr.di ovoprodotto,la quantità d'acqua da agg.re sarà di ca 1,6 dl.aumentando quest'ultima,otteniamo sì un impasto con blocchi della grandezza di un pugno ma quasi certamente saremmo ad un valore di umidità sicuramente più elevato con tutti i problemi ad esso connessi.Diverso è il discorso per gli impasti ESTRUSI dove a parità di risultato finale,potremmo lavorare con una minore quantità d'acqua.Spero di essere stato sufficientemente chiaro pur restando al piacere di risentirti.Con simpatia

 

Boxerina


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Formazione di crepe in ravioli dopo l'asciugamento
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Oggi non capisco proprio nulla! Adesso non capisco se sei un collega o una collega! scusami non offederti ma dal tuo nick pensavo una cosa ed invece non mi sembra! Cmq tornando ai nostri ragionamenti, i dati che hai scritto sono praticamente quelli della ricetta che avevo postato io in precedenza, che non prevede maggiore acqua di quanto dici tu, mi sembra strano però che quello che ottieni sia un impasto con granulometria ridotta. Secondo me bisognerebbe entrare maggiormente nei dettagli del tipo di farine, lavorazione etc. etc. ma non andrei avanti su questa linea se sei d'accordo.  Aspettiamo i riscontri di Donato e vediamo se siamo riusciti a risolvere il suo problema!

Grazie ciao

Alfredo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao Alfredo,

sono di sesso maschile e se vuoi sapere qualcosa in più vai al tema del COMPORTAMENTO VISCOELASTICO IN ASSENZA DI GLUTINE dove all'inizio troverai un brevecenno cronistorico che mi riguarda.Hai ragione nel ritenere opportuno non addentrarci in ulteriori particolari del processo tecnologico adesso ma posso dirti che nella pratica operativa risultano importanti tutta una serie di altri parametri a cominciare dai mix di farine alle temperature di utilizzo dei liquidi immessi,alla conformazione (numero,posizione,lunghezza,forma) delle pale d'impasto,alla presenza o meno di SOTTOVUOTO e comunque credimi pezzi di impasto della grandezza di un pugno significano umidità eccessiva e lunghi tempi di lavorazione che non sono un male assoluto ma potrebbero indicare piccoli errori di processo.Rimango sempre a disposizione per interloquire con curiosità e con piacere,grazie e a presto.

 

Boxerina (Vittorio)


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ho poca esperienza nella pastorizzazione, sono cuoco di ristorante, ho a disposizione un forno a convenzione e un congelatore. Potreste spiegarmi la procedura più corretta per pastorizzare e congelare i ravioli di ricotta.

Grazie


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Buongiorno agli utenti del forum,

il problema delle crepe è stato risolto.

Le vostre valutazioni erano giuste: l'origine del problema era nella secchezza della sfoglia dovuta a elevati parametri dell'asciugatore cioè ventilazione alta e scorrimento sui piani vibranti di breve durata.

Per quanto concerne il ripieno formato da ricotta di bufala più altri ingredienti variabili (spinaci, crema di funghi, ecc) i clienti hanno comunicato un problema, di natura sensoriale-organolettica.

La ricotta che nell'impasto di partenza è notevolmente cremosa e omogenea, a ciclo di lavorazione concluso cioè come ripieno nel raviolo finito, si presenta granulosa, quasi con piccole palline formanti grumi e non un bel amalgama da vedersi.

Sicuramente le 2 pastorizzazioni a cui è sottoposto il prodotto son tali da abbassare il tenore di umidità con modificazioni chimiche della ricotta, pur se così lipidica (ricotta di bufala 73% lipidi su 100g di prodotto).

Si pensava quale additivo è tale da mantenere la consistenza cremosa. Prima di pensare a un additivo, ho suggerito l'aggiunta di panna ma da prime prove non risultano miglioramenti.

Vi rigiro la questione, avete esperienza in merito a quali ingredienti e/o additivi (alla luce dei regolamenti che ne consentono l'utilizzo per la categoria pasta fresca ripiena) è utile aggiungere?

grazie

donato


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ricotta di bufala 73% di grasso? Mi sembra veramente una bufala!

Ancora un 10% e diventa un burro!

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Mi correggo: circa 17g di lipidi per 100g di prodotto, il 73% si riferisce alla ripartizione percentuale del valore energetico.


replyemailprintdownloadaward

Pagine: 1 2



Parole chiave (versione beta)

impasto, ravioli, umidita, uova, acqua, farina, pasta, prodotto, formazione, temperatura, ricotta, quantita, processo, verifica, impastamento, te, parametri, pastorizzazione, asciugamento, additivi, pasta fresca, aria, ingrediente, pastificio, sicuramente, lipide, acidita, paste, campione, lavoro, burro, elastico, grassi, liquido, trattamento, confezionamento, panna, valore energetico, assenza glutine, crema, funghi, prodotto caseario, caffe, estruso, igienico, melanzana, pastorizzato, confezione, processo produttivo, sicuro, base, e330, glutinico, lipidico, evaporazione, nastro trasportatore, ristorante, consistenza, forno, spinaci, viscoelasticita

Discussioni correlate