Punto Crioscopico del Siero di Latte

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Chimica degli Alimenti --> Punto Crioscopico del Siero di Latte --> M2081

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Punto Crioscopico del Siero di Latte. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Punto Crioscopico del Siero di Latte

 

Ciao, complementi per l’interessante domanda che ha dato da pensare anche me, ma andiamo per ordine:

Solo a titolo informativo per avere una buona indicazione sulla quantità del siero utilizzato e per individuare eventuali frodi, è possibile limitarsi alla determinazione del residuo secco, dei cloruri totali, delcloruro di sodio e del pH.

Il punto di congelamento come tu stesso hai evidenziato fin dalle prime righe  è uno degli indici più importanti per il fatto che la temperatura alla quale il latte inizia a congelare varia pochissimo; infatti essendo un liquido biologico che deve avere una pressione osmotica costante.

Le sostanze solubili (lattosio e sali) nel complesso non subiscono  variazioni che di limitatissima entità, in sostanza non incidono, neanche le proteine e il grasso non hanno alcuna influenza sul punto crioscopico; all’opposto l’annacquamento l’innalza, cioè lo avvicina a 0 °C, mentre l’acidificazione o un’aggiunta di sali l’abbassa, cioè lo avvicina a -1 °C.

Come già sai e lo riscrivo a titolo informativo per tutti gli utenti che sono meno addetti ai lavori in generale il valore medio del punto crioscopico del latte si ritiene pari a -0,520 °C.

-ora l’aggiunta di sale permette di  riportare il punto di congelamene al valore corretto,tuttavia un siero con valori di NaCl maggiori di 2, porta il prodotto ad essere inappetente e può sviluppare zoppia nei suini.

Per quanto riguarda il pH, un siero con ph troppo basso risulta inappetente mentre se è troppo alto è ancora indice di annacquamento.

 Un siero di buona qualità deve avere un quantitativo di residuo secco maggiore del 5%; valori più bassi indicano che il prodotto è stato annacquato o che è troppo vecchio.


A te le valtutazioni del caso, non avendo ben chiaro quale sia la situazione.


Facci sapere!

 



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

siero, ph, annacquamento, latte, prodotto, residui, punto crioscopico, valori, qualita, quantita, pressione osmotica, nacl, determinazione, grassi, sale, te, congelamento, lattosio, acidita, liquido, frode, temperatura, proteine, lavoro

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.