Adulterazione: annacquamento del latte

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Chimica degli Alimenti --> Adulterazione: annacquamento del latte --> M1944

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Adulterazione: annacquamento del latte. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Adulterazione: annacquamento del latte
Sono recenti i casi cronaca di annacquamento del latte o della stessa Mozzarella, vediamo ora cosa significa “latte annacquato” più nel dettaglio.
Il "latte annacquato" è un tipico caso di adulterazione, ovvero immissione sul mercato di generi alimentari modificati nelle loro caratteristiche, senza che queste siano evidenziate o segnalate in etichetta o in alcun modo.

Il latte congela a T poco al di sotto degli 0°C, questo perché le sostanze disciolte tendono ad abbassare il punto di congelamento del latte puro o solvente (acqua).
Ricordo che per congelamento si intende una condizione in cui la fase liquida e la fase solida coesistono.
Il  punto di congelamento del latte è all’incirca attorno a -0,555 per il latte vaccino, valore equivalente al siero di sangue.
Il punto di congelamento è una delle peculiarità, se non la caratteristica più costante del latte e viene utilizzato come raffronto in sede di analisi al fine di identificare eventuali frodi, una variazione di questo è indice di annacquamento; in quanto  le sostanze che lo influenzano (lattosio e Sali minerali) sono quelle che hanno minore variabilità in percentuale durante la lattazione.
Sono da segnalare cambiamenti normali da questo valore da 0,530 a 0,575 in seguito a variazioni stagionali, nei mesi freddi si avrà ovviamente un ’abbassamento più evidente.
Per la determinazione del punto di congelamento si utilizza un bagno refrigerante composto di sale e acqua e un termometro preciso  al centesimodi grado.
Un valore identico o al di sotto di -0,53 °C in valore assoluto fa presumere un annacquamento ovvero un aggiunta fraudolenta di acqua.
In Italia il limite di legge del punto crioscopico perché il latte possa venire considerato “genuino” è   di -0,520°C.
Nel caso della “Mozzarella annacquata” balzata di recente alle cronache i campioni provenienti dai lotti analizzati le mozzarelle non erano vere mozzarelle di bufala, perché contenevano un’elevata percentuale di latte di  latte vaccino addirittura superiore al 30%.

Per ora è tutto!
A presto!



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

latte, congelamento, mozzarella, annacquamento, acqua, etichetta, siero, sale, campione, adulterazione, liquido, lattosio, punto crioscopico, analisi, termometro, alimentare, solido, determinazione, genuino, frode, limite legge

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.