tecnologo alimentare consigli su percorso lavorativo

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Professione Tecnologo --> tecnologo alimentare consigli su percorso lavorativo

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo tecnologo alimentare consigli su percorso lavorativo, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Ciao  a tutti,

spero di ricevere risposte in modo da generare una discussione costruttiva,

Attualmente lavoro come tecnico di applicazione in ricerca e sviluppo in un'azienda di distribuzione. Ma non mi sento molto sodisfatta, sembra di non contare molto. In generale noto che la ricerca e sviluppo in italia in campo alimentare non è molto considerata....vedo aziende che vogliono già il piatto pronto senza far fare training ai dipendenti e soprattutto la ricerca e svilupo in Italia è pagata davvero poco. Invece la figura del commerciale anche quando ha meno esperienza è pagata di più e gode di maggior considerazione. Voi che ne pensate? Anche secondo voi è cosi? Ga davvero senso continuare con la ricerca e sviluppo ?

Io ho un pò di esperienza in R&D ma non so se continuare su questa strada oppure no ma non sono neanche convinta che la figura del commerciale faccia al caso mio. Mi trovo ad un bivio.

Volevo un consiglio su come poter crescere, in base anche magari alle esperienze di chi ci è passato.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: tecnologo alimentare consigli su percorso lavorativo
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao e benvenuto, 
scrivi che attualmente lavori come tecnico in ricerca e sviluppo per un'azienda di distribuzione. Dalle tue parole emerge che non ti senti soddisfatta del lavoro. E' sempre difficile dare consigli agli altri e, tanto più, su questioni così complesse e delicate. Quello che mi sento di scriverti non sono consigli ma, domande, a cui, io per primo, devo cercare di dare risposte. Volendo tralasciare l'aspetto economico proviamo a  rifilettere su cosa realmente ci appassiona e che "proviamo piacere nel fare". Un mio amico direbbe "quella cosa che ci fa battere il cuore dalla parte giusta".
Sia chiaro, ogni lavoro ha, al contempo, aspetti positivi e, dall'altra "faccia della moneta", qualcosa di negativo che odiamo . Sono ovvietà? Puo darsi ...ma io spesso le trascuro.
Volendo lasciare spostare l'ago magnetico della bussola verso altri punti cardinali cerco di pormi alcune domande. Cosa mi appassiona veramente? L'ambito "alimentare" è vastissimo si va dalla ricerca e sviluppo, al marketing, alla microbiologia, al laboratorio microbiologico, chimico, al marketing, all'etichettatura, alla nutrizione, alle figure professionali che vanno dal direttore di stabilimento fino al responsabile ufficio acquisti e tanti altri ambiti e nicchie di mercato che ora mi sfuggono e/o che si andranno a concretizzare e consolidare da qui ai prossimi anni. E' verissimo, l'aspetto economico è rilevante, tanto più di questi tempi così in divenire. E' giusto partire da una solidità, anche minima, di sostentamento per poter poi, in seguito, cominciare a ragionare e guardarci intorno. Spesso, alcuni lavori e competenze ci serviranno come base per apprendere, fare esperienze lavorative e di vita che, se sfruttate, e imparate, andranno a riempire la "nostra cassetta degli attrezzi della vita". Quello che Steve Jobs definì "unire i puntini".Riordandomi che "il più grande errore è  quello di non imparare dall'errore".


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

lavoro, tecnologo alimentare, alimentare, base, nutrizione, microbiologia, laboratorio, professionale, microbiologico

Discussioni correlate